Guarda Tele
Radio Padre Pio


Libro degli ospiti


Il tuo browser non supporta il tag embed per questo motivo che non senti alcuna musica
Spiritualità
 
 
SANTE MARTIRI FRANCESCANE MISSIONARIE DI MARIA
(Martiri in Cina)

Sante Martiri Francescane Missionarie di Maria

 

+ Tai-yuen-fu, Cina, 9 luglio 1900

9 Luglio

Le sette sante suore Francescane Missionarie di Maria, furono chiamate in Cina dal Vicario Apostolico il beato Francesco Fogolla, per operare come educatrici a Tai-yuan-fu nella provincia dello Shan-si, giungendo il 4 maggio 1899 e sistemandosi in mancanza di un convento, nell’orfanotrofio che ospitava più di 200 orfanelli.
Provenivano una parte dagli Chatelets in Francia e altre da varie case sparse in varie zone francesi; di nazionalità: due italiane, una del Lussemburgo, una olandese e tre francesi.
Iniziarono a lavorare alacremente nella missione e i risultati promettevano bene, fino al 23 aprile 1900, quando fece il suo ingresso a Tai-yuan-fu con la carica di viceré dello Shan-si, il già noto Yu-Hsieu più volte coinvolto in altre province per il favore dato ai ‘Boxers’ autori di spietate stragi contro le missioni cattoliche.
Infatti dopo due mesi dal suo arrivo, essi comparvero a Tai-yuan-fu sobillando il popolo con menzogne, manifesti infamanti contro i cristiani, accusati come ‘nemici della patria’, ‘avvelenatori di pozzi’, ‘seviziatori di bambini’, ‘causa della siccità e della conseguente carestia’.
Lo stesso viceré con un proclama affisso nelle strade diceva: “il fetore dei cristiani è arrivato fino al cielo, per questo non cade più né pioggia, né neve”. I cristiani prendono a fuggire, anche le suore sono invitate a farlo dal vescovo, ma la madre superiora risponde: “Ah no! Siamo venute qui a dare la vita per Gesù, se fosse necessario! La forza ce la darà Nostro Signore!”.
Intanto i soldati del viceré, portano via con la forza le orfanelle dall’orfanotrofio; il 5 luglio le suore, insieme ai missionari, i seminaristi ed i domestici, vengono invitate dal viceré a lasciare le loro case per un’abitazione più sicura chiamata ‘l’albergo della pace celeste’, ma era una menzogna.
Il 9 luglio 1900, nel pomeriggio arrivano i ‘boxers’ che conducono tutti al palazzo del viceré, dove vengono condannati a morte e condotti nell’ampio cortile, massacrati a sciabolate che colpiscono alla cieca, mentre i fucili sparano ‘per cacciarne le anime’; per ultimo tocca alle sette suore Francescane Missionarie di Maria, le quali dopo aver assistito alla carneficina, cantano il ‘Te Deum’ abbracciandosi e poi porgono il collo alle spade. I loro nomi:
91688 - Maria Erminia (Irma Grivot) francese, 34 anni, superiora
91694 - Maria Chiara (Clelia Nanetti) italiana, 28 anni
91691 - Maria Adolfina (Maria Dierkx) olandese, 34 anni
91690 - Maria Amandina (Paolina Jeuris) lussemburghese, 28 anni
91689 - Maria della Pace (Marianna Giuliani) italiana, 25 anni
91693 - Maria di S. Natalia (Giovanna Maria Kerguin) francese, 36 anni
91692 - Maria di S. Giusto (Anna Maria Moreau) francese, 34 anni

Furono beatificate il 24 novembre 1946 da papa Pio XII insieme ad altri 22 martiri di cui 3 vescovi e 4 sacerdoti dell’Ordine dei Frati Minori francescani, 1 fratello religioso e 11 laici cinesi tutti del Terz’Ordine francescano e 3 fedeli laici cinesi.
Papa Giovanni Paolo II li ha tutti canonizzati il 1° ottobre 2000. Celebrazione liturgica il 9 luglio.


Autore: Antonio Borrelli